Integrazione di creatina: tutto quello che c’è da sapere
febbraio 13, 2018
Cellulite: 5 mosse efficaci per contrastarla!
luglio 15, 2018

Zeppole light per festa del papà

zeppole

zeppole

Zeppole per la festa del papà? Le tradizioni, si sa, vanno onorate anche a tavola. Il 19 marzo, giorno di San Giuseppe, è una delle ricorrenze più amate da grandi e piccini. Per una cena, un dessert con parenti e amici, puoi stupire i tuoi ospiti con una ricetta nuova che sia gustosa e allo stesso tempo sana. Non devi rinunciare ai piaceri della buona cucina e ai sapori della tradizione. La giusta alimentazione resta sempre una priorità ovviamente e per questo devi scegliere ingredienti genuini, come la farina integrale.

zeppole farina integrale

zeppole farina integrale

Che cosa sono le zeppole?

Da Nord a Sud del Bel Paese, in occasione della festa del papà, il dolce per eccellenza sono le zeppole: secondo un’antica leggenda, le avrebbe ideate proprio San Giuseppe, in fuga dall’Egitto con la Madonna e Gesù. A Napoli le chiamano “graffe”, in Emilia Romagna “raviole” e a Roma “bignè di San Giuseppe”. C’è chi le preferisce fritte e farcite di crema, chi invece adora quelle al forno. Ti consiglio una nuova ricetta, deliziosa e leggera: le zeppole light, meno caloriche della versione classica, ma molto gustose, a prova persino dei palati più esigenti.

Come preparare le zeppole light?

Come già ti ho già spiegato, devi scegliere con attenzione prodotti sani e genuini, dalle proprietà anti-ossidanti: una guarnizione a base di fragole, ad esempio, non è solo decorativa, ma aiuta a prevenire malattie cardio-vascolare e ad attutire i segni dell’invecchiamento come i temuti radicali liberi. Quali sono gli ingredienti delle zeppole light? Se vuoi preparare circa 8 zeppole, puoi usare:

  • 300 grammi di farina di farro integrale;
  • 4 uova;
  • Mezzo litro di acqua;
  • 1 limone non trattato;
  • Qualche fragola per decorare.

Puoi farcire le zeppole con una dolce crema, come da tradizione, optando anche in questo caso per ingredienti diversi rispetto a quelli classici, che abbiano proprietà benefiche:

  • 500 ml di latte di soia o senza lattosio;
  • 6 tuorli;
  • 2 cucchiai di farina integrale;
  • 50 g di miele;
  • 2 limoni non trattati.

A dispetto di quanto si pensi, le uova non fanno affatto male: sono ricche non solo di proteine, ma anche di vitamine, minerali, tra cui ferro, potassio e sono nemici giurati del colesterolo. La farina 00, quella che purtroppo usiamo spesso, invece è molto nociva: l’impasto, come ti ho suggerito, deve essere a base di farina integrale, più genuina come quella di una volta. Ti consiglio anche di eliminare o quantomeno ridurre le dosi di zucchero e sciroppi: le fragole, belle da vedere e soprattutto buone da mangiare, rendono dolci le zeppole light con un giusto e leggero apporto calorico. Insomma puoi seguire una dieta sana, senza rinunciare alle bontà, grazie a questo perfetto equilibrio e delizioso mix di ingredienti selezionati con cura.

Zeppole: qual è la ricetta ?

E adesso ti rivelo e spiego, passo dopo passo, le fasi della ricetta. Sei pronto a stupire i tuoi ospiti? Ecco cosa fare, se vuoi preparare le zeppole light:

  • Innanzitutto versa l’acqua in un tegame, accendi il gas e portala ad ebollizione;
  • Aggiungi la farina rigorosamente integrale (ok, l’ho già detto, ma voglio che il concetto sia chiaro, perché mi sta a cuore la tua salute!). Mescola, gira, fino a quando l’impasto non inizierà a staccarsi dalle pareti del tegame;
  • Versa l’impasto in una ciotola, lasciandolo raffreddare per renderlo più tiepido possibile;
  • Grattugia la scorza del limone e aggiungilo all’impasto;
  • Aggiungi un uovo alla volta, amalgamando con calma affinché il composto diventi omogeneo;
  • Rivesti una teglia con carta da forno;
  • Forma le zeppole, ponendole sulla teglia;
  • Inforna le zeppole a 180° per circa 30 minuti;
  • Nel frattempo prepara la crema pasticcera: aggiungi la scorza di limone al latte scelto; in una ciotola amalgama i tuorli al miele e infine aggiungi la farina integrale; riscalda la crema sul fuoco, mescolando affinché la crema sia densa al punto giusto;
  • Lascia raffreddare la crema;
  • Taglia le zeppole a metà;
  • Farcisci le zeppole con la crema appena fatta. Puoi usare una tasca da pasticciere o un’apposita siringa, a tua discrezione;
  • Puoi decorare le zeppole anche con un ciuffetto di crema;
  • Guarnisci le zeppole con le fragole, adagiandole sulla parte più alta delle zeppole;
  • Aggiungi, se vuoi, delle scorze di cacao, quello fondente, senza tracce di latte: conferisci un tocco di fantasia alla ricetta, senza inutili paure, perché – è giusto tu lo sappia- il cioccolato non fa ingrassare e non è un nemico giurato della dieta sana, ma dà allegria e ha tanti, tantissimi benefici per l’organismo;
  • Adesso tutto è pronto. Non ti resta che porgere le zeppole light su un vassoio e imbandire la tavola per l’occasione, non solo per il 19 marzo, perchè potrai rendere dolci cene e dessert con amici e parenti, ogni qualvolta lo vorrai.

Come tradizione vuole sarebbe preferibile mangiare le zeppole entro poche ore o in alternativa potresti anche conservarle in frigo per 1 giorno, ma sono certo che andranno a ruba e tu e i tuoi ospiti le gusterete subito, seduta stante. Le zeppole light sono dunque il dolce perfetto per festeggiare papà, nonni e l’onomastico di Giuseppe, Pino, Peppino, Pina e Giusy. Scegliendo i giusti ingredienti, come ti ho già spiegato e consigliato, puoi rispettare la tradizione, divertiti ai fornelli e preparare un pasticcino buono, senza rinunciare alla linea e preoccuparti per i soliti sensi di colpa che fanno capolino dopo aver ceduto alle tentazioni della gola.

Hai apprezzato la ricetta? Vuoi preparare le zeppole light e ricevere consigli su piatti e dolci leggeri e genuini? Condividi questa ricetta con amici e parenti su fb e whatapp. Ti auguro buon appetito e soprattutto buona festa del papà!

Federico Zanga
Federico Zanga
Professione Biologo Nutrizionista. Iscritto all’Albo Nazionale dei Biologi, mi occupo di Nutrizione e Alimentazione in stati fisiologici, in fisiologia speciale e stati fisiopatologici accertati. Sono particolarmente esperto di nutrizione sportiva, avendo conseguito una seconda Laurea Magistrale in Scienze Motorie e, da sempre, uno sportivo e amante di uno stile di vita attivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *